martedì 14 ottobre 2014

Post OT



Torno per un post Out of Topics, perché ce l'ho con chi stigmatizza i giovani laureati italiani che bramano emigrare per trovare opportunità migliori. MA CHE COSA DOVREBBERO FARE? Svendiamo le nostre eccellenze con un'efficienza da "soluzione finale".

Esempio? Ingegneria delle Telecomunicazioni.

 Quando voi studenti in questo settore uscirete dalle Università' italiane e non potrete fare il vostro mestiere, e magari vi dovrete accontentare di fare tutt'altro almeno saprete chi ringraziare.
.
Nella storia delle telecomunicazioni italiane sostanzialmente tre aziende d'eccellenza hanno giocato un ruolo importante:

Italtel

Fondata nel 1921 fu rinominata almento 200 volte nel corso della sua storia (tra gli altri Auso Siemens., Sit Siemens ecc. ). Raggiunse il massimo splendore verso la metà degli anni '80 quando con Linea UT, una modernissima centrale telefonica numerica, esportò in diversi continenti la tecnologia italiana. Fra i paesi che ancora oggi utilizzano Linea UT cito l'Argentina, il Brasile, parte della Russia e gli Stati Uniti d'America. Fu venduta per l'ultima volta alla Siemens con il benestare del primo ministro Prodi. Quando Prodi andò con il pullman a Castelletto (la sede del gruppo) nella sua prima campagna elettorale rassicurò tutti che i ricercatori di Italtel (allora 3000 su 14 mila dipendenti del gruppo) potevano dormire sonni tranquilli e che eravano una risorsa per il paese.
Infatti Telecom Italia, proprietaria dell'Italtel, con il benestare del governo la vendette immediatamente ai tedeschi di cui Prodi , diventato nel frattempo Premier, era stato consulente privato (la magistratura aprì un'inchiesta). Italtel da allora vide un costante ridimensionamento tecnologico e di persone fino a ridursi all'azienda medio piccola che è ora. É di proprietà' di un fondo statunitense specializzato nel farsi carico di società' che non vuole nessuno. Da notare che prima di essere venduta Italtel aveva messo a punto una modernissima radiobase GSM (in sintesi la centrale per i cellaulari) che fu dismessa dai tedeschi.

Telettra

Fondata nel 1946 dall'ingegner Floriani a Milano la Telettra raggiunse negli anni una ragguardevole dimensione nazionale ed internazionale, con circa 10.000 dipendenti totali, ed all'attivo numerosi brevetti ed invenzioni nel settore delle telecomunicazioni. Dominò la scena internazionale negli anni '70 ed '80 con i suoi famosi sistemi trasmissivi in rame, radio e fibra ottica. Ancora adesso a distanza di anni, nelle centrali di telecomunicazioni di tutto il mondo trovate in servizio apparati Telettra , indistruttibili ed ancora efficaci.
Nel 1976 viene venduta alla Fiat che in seguito nel '90 la venderà ai francesi di Alcatel per qualche confezione di yogurt (5% della Danone) e l'acqua Perrier. Tuttavia Il parlamento francese fece in modo che la Fiat non si impossessasse della famosa acqua perché considerata un vanto della Francia. Cosi' gli Agnelli si accontentarono di contanti. Insomma noi gli vendemmo un gioiello tecnologico ed i francesi non ci vollero dare nemmeno l'acqua minerale.
Da notare che una storia di tangenti non pagate dagli Agnelli impedì ad Italtel di incorporare Telettra dando vita ad un gigante tecnologico. Oggi la ex Telettra è' ancora oggi la spina dorsale di Alcatel-Lucent per le trasmissioni.

Pirelli
negli anni ottanta - primi anni novanta, Telecom Italia aveva in cantiere un progetto rivoluzionario per i tempi: cablare tutta l'Italia con la fibra ottica. In pratica quello che poi fece Fastweb ma con anni di anticipo.
La Pirelli grazia all'Ingegner Grasso acquistò un brevetto di una università scozzese e mise a punto un amplificatore ottico in grado di rigenerare con grande accuratezza il segnale ottico. Questi amplificatori detti EDFA vennero in seguito perfezionati dalla Pirelli e si trasformarono in apparati MUX-WDM (Multiplatori Wave lenghts Division Multiplex, qui la cosa si fa tecnica stiamo parlano di Fotonica, mica cotica) aggeggi diabolici in grado di "super" utilizzare la fibra ottica. Dove prima passava un solo misero segnale ora 1000 o più segnali venivano convogliati (in sintesi) . La Pirelli e la sua tecnologia venne in seguito venduta nel 2000 quasi per intero alla Cisco System (circa 3000 miliardi di lire, 1,5 Miliardi di Euro circa) che ne fece una Business Unit detta Cisco Photonics, ancora oggi con sede a Monza. Non sono sicuro se nella sede di Monza vi sia ancora la Ricerca e Sviluppo.




Morale? Studiate e scappate senza guardare in faccia nessuno, che chi vi ha preceduto ha distrutto quanto di buono e con tanta fatica la comunità aveva costruito......





martedì 11 marzo 2014

11 marzo





2011年3月11日



東日本大震災


















IN RICORDO DELLE
18.517
VITTIME








mercoledì 5 febbraio 2014

Parole da scoprire 1






Per cercare di migliorare il mio vocabolario, sto analizzando qualche parola random, quando mi capita di trovarla in vari contesti. 
Ecco la prima.



-Parola: 雷雨 らいう Temporale

Costituita dai kanji Kaminari = Tuono Ame =pioggia, il composto risulta di per sé evocativo. La lettura dei kanji è ovviamente di tipo ON.

-Es: 雷雨が近づいてきている= Raiu ga chikadzuite kite iru= Un temporale si sta avvicinando.

-Es:激しい雷雨=Hagesii raiu = Un temporale violento.






martedì 24 dicembre 2013

venerdì 13 dicembre 2013

Tokyo Time Lapse




Sul blog di 黒い招き猫 un bel video di Tokyo in Time-Lapse. スゴイね





venerdì 27 settembre 2013

L.220 - Approfondimento sul passivo - Costruzione 1









Questo argomento è già stato trattato, ma ho pensato di riproporlo in maniera più articolata. Il passivo, in generale, può sembrare una costruzione complessa e poco sfruttabile in una lingua straniera, spesso ci si accosta con timore, ma comunque in Giapponese è usata frequentemente, anche e soprattutto nel linguaggio formale.
Analizziamo le diverse costruzioni possibili:


L.219 -Tips'n'Triks 16 - ても「いい」





219 



Come tip & trick, l'argomento ~ても può sembrare banale, in quanto si tratta di un punto molto semplice, ma è bene mettere in fila anche le possibili varianti che si legano a questo tema.

venerdì 2 agosto 2013

L.218 -Tips'n'Triks 15 - Altri ausiliari con la ~テ形





218 



Visto che si stanno trattando gli ausiliari, vale la pena riassumerne alcuni altri che utilizzano la ~テ形e sono piuttosto comuni.

giovedì 4 luglio 2013

martedì 2 luglio 2013

L.217 -Tips'n'Triks 14 - Ausiliari: あげる、もらう e くれる




217  


Questo argomento è già stato trattato, ma parlando di ausiliari è doveroso evidenziare nuovamente la funzione diあげる、もらうeくれる

mercoledì 26 giugno 2013

Keigo in pillole: Kono bangumi wa....



Ecco a voi un incipit poco rassicurante: "Si può ignorare il Keigo e vivere felici, anche interessandosi di lingua giapponese".